martedì 6 aprile 2010

RIFLESSIONI DELLA SERA


Quando mi guardo intorno scopro questa città sempre più spoglia di emozioni. Ci circondiamo di vestiti, di mode, di cose giuste e non giuste, di brutti e belli. Non vi siete mai resi conto di aver costruito voi stessi la vostra prigione, voi vi siete imposti limiti. Voi, perchè per quanto mi riguarda ho ancora un piccolo centimetro di libertà, che con l'andare del tempo perderò per entrare a far parte di un mondo che non mi appartiene. E non sapete quanto vi odio per questo.

Chi vive di poesie e emozioni merita di vivere per sempre.



Avrei attraversato la lava
dell'Etna per portarti il fuoco
Lo spazio per portarti la
stella più lontana
il tempo per rincontrarti
in un altra vita ...

2 commenti:

  1. Con queste ultime parole mi viene in mente una delle canzoni d'amore più belle mai scritte nella storia: la cura, di Battiato.
    Un bacio

    RispondiElimina